Gli Uomini, la Donna Soprammobile e la Donna Intelligente

Nell’ultimo anno sono successi tantissimi avvenimenti nella mia vita che mi hanno portato a riflettere sulla precarietà delle cose, su come queste possano cambiare da un momento all’altro, senza preavviso, sull’importanza del cogliere l’attimo e di vivere al momento e soprattutto sul mondo maschile. Sono sempre stata consapevole del modo di pensare degli uomini essendo io la terza figlia dopo due maschi, nonché l’undicesima nipote dopo dieci ragazzi. Pur avendo sviluppato una spiccata femminilità, un grande senso di appartenenza all’universo femminile, mi sono spesso ritrovata faccia a faccia con la maschilità. In mezzo a discussioni tra uomini, spesso “da bar” o “da spogliatoio”, ho capito cos’è il cameratismo, ho metabolizzato la loro maniera di parlare delle donne e di comportarsi con loro, ho compreso il loro atteggiamento menefreghista ed egoista. In effetti, non mi sono mai davvero aspettata nulla dagli uomini e non ho mai preso per oro colato le loro parole, con la consapevolezza che essi dicono sì ciò che pensano, ma quello che pensano può cambiare nello spazio di poche ore… Come ho già avuto modo di approfondire nei miei due post (La Caverna e L’Elastico), John Gray è davvero illuminante sottolineando come Gli Uomini vengano da Marte e le Donne da Venere, due pianeti diversi a cui corrispondono differenti usi e costumi.
Tuttavia non mi sono mai scontrata, o quanto meno non mi è capitato per un periodo molto lungo, con lo sconcerto e lo sgomento che il loro modo di fare può determinare in una donna.
Per circa otto anni e mezzo, infatti, dai venti ai ventotto anni e mezzo per l’appunto, ho vissuto come in una bolla di sapone, amando una persona ed essendo ricambiata. Ciononostante, un giorno, la favola si è improvvisamente interrotta e io ho scoperto che cos’è il Dolore. Perché chi sottovaluta il potere devastante delle pene d’amore, significa che non ne ha mai sofferto. Chi invece dice che “Non si muore per amore”, beh, lui o lei, ha ragione. E un’esperienza del genere non può che portare a una profonda riflessione su ciò che ci circonda e all’elaborazione di un nuovo modo di osservare la realtà. Da allora ho cominciato a guardare gli uomini con occhi diversi, con disincanto, e a ragionare sui loro comportamenti.
Dopo innumerevoli dibattiti con altre donne – perché, a differenza degli uomini, le donne tra loro parlano – mettendo a confronto le loro situazioni con le mie, gli interrogativi emersi sono: “Cosa cercano gli uomini in una donna?”, “Cosa si aspettano da una relazione?”. E da qui alla teoria della Donna-Soprammobileil passo è breve.
La Donna-Soprammobileè il sogno di ogni uomo, anche se essi lo negano e affermano di desiderare al loro fianco una donna intelligente, un’amica, con cui poter parlare, confrontarsi e scontrarsi…tutte fandonie in cui loro probabilmente credono!
La Donna-Soprammobileè la donna mansueta, quella che dice sempre di sì, che non fa troppe domande, non avanza obiezioni, non ha pretese, è sempre disponibile e non è in grado di fare ragionamenti troppo complessi. Sa ascoltare quando lui hai voglia di parlare, è capace di divertirsi insieme a lui quando lui decide di trascorrere il tempo con lei, se lui è di cattivo umore lei lo capisce intuitivamente e rimane in disparte o addirittura si volatilizza senza rancore e se lui ha da fare lei lo accetta con il sorriso sulle labbra. Lei sa a priori se lui ha voglia di vederla o sentirla e si comporta di conseguenza. La Donna-Soprammobile è inoltre una geisha, acconsente con entusiasmo alle avances del partner ed è assolutamente disinibita a letto. La Donna-Soprammobile è infine mamma, e quindi è capace di cucinare benissimo, lava, stira, cuce, spolvera, rassetta e fa tutto questo con gioia.
Se la Donna-Soprammobile, così come l’ho descritta, è forse solo un mito, un’ambizione per ogni uomo, un miraggio, certo è che, siccome il mondo è bello perché vario, ci sono donne sicuramente più accondiscendenti, arrendevoli, tranquille e magari, non troppo sveglie, ovvero non subito in grado di cogliere la contraddizione, l’inganno, la fregatura e, anche se esteticamente non particolarmente carine o avvenenti, ecco, queste sono le donne più ambite dagli uomini: facilmente gestibili, poco impegnative, per niente fastidiose…
Recentemente mi sono sentita dire da un uomo, tra le altre cose, che sono “Troppo intelligente”. E da quando l’intelligenza può essere troppa, laddove troppo implica un eccesso? E soprattutto, da quando l’intelligenza può essere un difetto?
La realtà è che la Donna-Intelligente ammalia inizialmente, affascina con i propri ragionamenti, intriga con i suoi modi di fare, fino a quando l’uomo crede di poterle tenere testa. Ma è risaputo che il maschio è egoista e, dopo un periodo iniziale in cui diventa un tutt’uno con la donna per la quale sta perdendo la testa, ad un tratto, raggiunto il massimo grado di intimità con la femmina, come se si risvegliasse dal torpore, sente l’improvvisa necessità di riappropriarsi della propria autonomia, di ristabilire i limiti della propria individualità, di ritrovare il suo Io, e questo implica un allontanamento dalla donna. Ed è durante questo distacco che capisce che la Donna-Intelligenteè pericolosa, è un rischio per sé stessi come singoli individui, è un attentato alla libertà personale, una minaccia all’ego. La Donna-Intelligente pensa, la Donna-Intelligentecapisce, la Donna-Intelligente dà e pretende altrettanto in cambio. E così, meglio allontanarla, eliminarla. Chi glielo fa fare! Chi se ne importa se con una donna così la vita è più ricca, i discorsi sono più profondi, le riflessioni più stimolanti, le cose da fare più variegate e interessanti e anche ridere è più semplice grazie all’ironia, che va di pari passo con l’intelligenza…chi se ne importa! Meglio la Donna-Soprammobile: facilmente gestibile, poco impegnativa e per niente fastidiosa!
 
 
 

Un commento

  1. La comunicazione perfetta esiste. Ed è un litigio.
    (Stefano Benni).
    Quello che leggo oltre a trasmettere rassegnazione, pronuncia anche una punta di misandria a sprazi. La donna-soprammobile sembra corrispondere alla classica trombAmica oppure TrombaConoscente per poter essere un po' più distaccati. Un uomo che si giustifica con: “sei troppo intelligente”, sta ad indicare per me: “hei cara io voglio solo divertirmi senza impegni, mi spiace che tu punti a qualcosa di più con me……” Un uomo che provasse grande affetto per una donna non direbbe mai una frase di circostanza in quel modo come per dire, ops sei troppo intelligente = troppo complicata. No No. Qui l'amore non lo vedo nemmeno passare per caso, magari attrazione, rispetto, simpatia. Ma l'amore in considerazione di giustificazioni così scadenti non lo vedo nemmeno di sfuggita. Quando un legame di coppia si approfondisce scatta un meccanismo classico che porta a dare di più e volere di più. Il playboy dà dolcezza in cambio della vulva, questo è risaputo. Ma in un vero rapporto sentimentale, esistono gli scontri, perchè non c'è una persona più sicnera di quando perde le staffe; dirà cose brutte, parole violente e cattiverie ma la rabbia almeno è un sentimento veritiero. Viva i litigi se portano a conoscersi di più ed a rispettarsi di più. Per la regola dei grandi numeri, è impossibile andare d'accordo su tutto e quindi le litigate anche piccole nascono per natura, per il semplice principio: Quello che io voglio e quello che tu vuoi non sempre collide di pari passo. Quindi le litigate che portano all comprensione siano le benvenute. Male invece se esiste accondiscendenza nel tempo senza scontri. Colui che non si scontra mai ha sempre qualcosa da proteggere e quindi da nascondere. Siccome io credo che gli uomini non siano tutti uguali e nemmeno le donne, sono bene consapevole che eistono pur nel vero uomini che adorano la femmina soprammobile, bambolina e con le gambe sempre aperte. Oh si questo è verissimo, ma per fortuna non siamo tutti così noi maschi. Ciò che serve è sorpassare l'attrazione fisica. Essere attratti carnalmente è il primo effetto del piacersi, perchè è la parte più naturale e primordiale. Appunto per questo bisogna impegnarsi a piacersi anche per altre sfere mentali ed emozionali oltre l'appetito carnale… L'unica risposta utile è : Conoscersi Per Davvero ! ! !

    Un bacione By Robby Nosferathu

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...