Two Door Cinema Club in Milan

Dall’Irlanda del Nord, venerdì 22 febbraio 2013, Alex Trimble, voce e chitarra, Sam Halliday, voce e chitarra e Kevin Baird, voce e basso, sono arrivati a Milano per esibirsi in concerto ai Magazzini Generali. I Two Door Cinema Club, indie rock band, nella prima delle due tappe italiane del tour organizzato in occasione  dell’uscita del loro secondo album di successo, Beacon, hanno registrato il tutto esaurito, entusiasmando il pubblico per un’ora e mezza. Io ovviamente non potevo mancare a questo appuntamento così rock e ne ho approfittato per trascorrere una fantastica serata in compagnia di amici.
 
Ho osservato attentamente Alex, Sam e Kevin sul palco  e non ho potuto fare a meno di notare come i tre componenti della band incarnino perfettamente, con il loro modo di vestire, lo stile Hipster.
Negli ultimi anni il termine hipster è tornato prepotentemente in auge e lo si sente ripetere spessissimo. Ma qual è il suo vero significato? L’Urban Dictionary ce ne fornisce infinite definizioni. Riporto un estratto della prima di queste, nella quale è spiegato in maniera eccellente il legame tra Hipster e Fashion:
 
Although “hipsterism” is really a state of mind, it is also often intertwined with distinct fashion sensibilities. Hipsters reject the culturally-ignorant attitudes of mainstream consumers, and are often be seen wearing vintage and thrift store inspired fashions, tight-fitting jeans, old-school sneakers, and sometimes thick rimmed glasses. Both hipster men and women sport similar androgynous hair styles that include combinations of messy shag cuts and asymmetric side-swept bangs. Such styles are often associated with the work of creative stylists at urban salons, and are usually too “edgy” for the culturally-sheltered mainstream consumer. The “effortless cool” urban bohemian look of a hipster is exemplified in Urban Outfitters and American Apparel ads which cater towards the hipster demographic.
 
Di American Apparel ho già avuto occasione di parlare nel mio articolo Online Shopping. L’altro punto di riferimento per la moda Hipster è poi Urban Outfitters (www.urbanoutfitters.co.uk), catena di negozi americana, in cui trovare abbigliamento e accessori per uomo e donna, ma anche oggettistica, libri e make-up, il  tutto di grandi marchi oppure risultato di collaborazioni con stilisti e designers. Urban Outfitters è specializzata in  vintagebohemianretrohipster appunto, ironically humorous e kitschy style. Oltre a questi due stores menzionati nell’Urban Dictionary, io aggiungerei sicuramente Kitson, chain fashion boutiques statunitense, frequentatissima dalle star, dedicata alla cultura Pop (www.shopkitson.com).
 
 
 
 

4 commenti

  1. Io li adoro ma non sono riuscita a venire a Milano x sentirli!!!:( Comunque i tuoi orecchini sono troppo fighi! Posso chiederti dove li hai comprati? Monia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...